.
Annunci online

AlleVolte
pagine di poesia a cura di Enrico Pescosolido
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Fanciulle
14 marzo 2008


Maria ti guarda con gli occhi un poco
come Venere loschi.
Cielo par che s'infoschi
quello sguardo, il suo accento è quasi roco.
 
Non è bella, né in donna ha quei gentili
atti, cari agli umani;
belle ha solo le mani,
mani da baci, mani signorili.
 
Dove veste, sue vesti son richiami
per il maschio, un'asprezza
strana di tinte. È mezza
bambina e mezza bestia. Eppure l'ami.
 
Sai ch'è ladra e bugiarda, una nemica
dei tuoi intimi pregi;
ma quanto più la spregi
più la vorresti alle tue voglie amica.

Umberto Saba

foto: by Inez & Vinoodh
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Umberto Saba Inez & Vinoodh

permalink | inviato da sonikred il 14/3/2008 alle 23:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
La Pace
20 dicembre 2007


O Pace, che ciascuno ama, che spera
dal primo sole all'ultima giornata,
non sei tu pure un'ombra, una chimera
a cui dietro gran turba erra affannata?
A che cercar sui monti la tua traccia,
o in riva al mare, o nel silenzio agreste,
a che sperar fra le tue bianche braccia,
nel tuo seno un rifugio alle tempeste,
se Dante ti cercò, di mondo in mondo
esule stanco affaticato il piè,
se Fausto per un tuo bacio all'immondo,
inutilmente come a Dio, si diè?
Più della gloria, più della fortuna
nei miei giovani sogni io t'invocai,
o Pace... E tu sei simile alla luna,
che il sole insegue e non raggiunge mai.

Umberto Saba


foto: Karen Elson by Steven Meisel


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Umberto Saba Steven Meisel

permalink | inviato da sonikred il 20/12/2007 alle 10:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Amai
17 settembre 2007


Amai trite parole che non uno
osava. M'incantò la rima fiore
amore,
la più antica difficile del mondo

Amai la verità che giace al fondo,
quasi un sogno obliato, che il dolore
riscopre amica. Con paura il cuore
le si accosta, che più non l'abbandona.

Amo te che mi ascolti e la mia buona
carta lasciata al fine del mio gioco.

Umberto Saba

Foto: by Tina Louise

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. umberto saba tina louise

permalink | inviato da sonikred il 17/9/2007 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile